È quasi il tramonto. Il vento del nord-ovest spazza la spiaggia a 24 km/h. Sospesi in aria, i gabbiani restano immobili come aquiloni tesi tra la terra e il cielo.

Un uomo vestito di nero cammina scalzo sulla spiaggia. È vecchio, ma è impossibile dire quanto. Al suo fianco cammina una donna vestita di bianco. È giovane, ma è impossibile dire quanto.

Un passo, due passi, poi si fermano. Il vecchio di appoggia al suo bastone, respira forte il vento. Poi riprendono. Un passo, due passi.

I gabbiani restano sospesi nel vento, come aquiloni legati a un filo tra le mani di un bambino.